Veleja Romana fu fondata nel 158 a.C., dopo la definitiva sottomissione dei Liguri a Roma. Citata nella Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, la tribù ligure dei Veleiates, che la fondò e da cui deriva il nome, scomparve e non se ne ebbe più traccia fino al 1747 quando accidentalmente nei pressi della chiesa riemerse la Tabula alimentaria Traianea. Da allora, scavi sistematici (1760-1765) voluti fortemente dai Borbone, signori di Parma e Piacenza, hanno cercato di riportarne in luce le vestigia sepolte da secoli.
Dopo aver lasciato gli scavi di Veleja, si raggiunge il borgo medievale di Vigoleno. Arroccato su uno sperone roccioso nella splendida cornice del parco regionale dello Stirone e del Piacenziano, per questo borgo il tempo sembra essersi fermato. Si può camminare nel silenzio dei suoi stretti vicoli sentendo il rumore dei propri passi e sostare nella chiesa romanica di San Giorgio, salire sul mastio del castello fatto costruire dagli Scotti, signori del luogo oppure visitare il particolare Museo degli Orsanti.